Antonio Oleari

Writer & Photographer
    
Demo Project
Location: Milano
Nationality: Italian
Biography: Antonio Oleari  is a writer and photographer based in Milan. He studied literature and he was a radio speaker and music journalist. For years he has been involved in the international music scene: he has published essays, biographies and... read on
Public Story
Demo Project
Credits: antonio oleari
Date of Work: 11/24/17 - Ongoing
Updated: 11/24/17
Location: Kigoma, Tanzania
La Central Line è un lungo binario che taglia la Tanzania da Dar Es Salaam (all’estremo est) a Kigoma (all’estremo ovest). Le linee risalgono al periodo coloniale, quando gli europei ferrarono quei tragitti che per secoli erano stati battuti dalle grandi carovane di avorio e di schiavi.
Oggi i nuovi colonizzatori vengono dall’Asia e ripartono da qui, investendo nelle infrastrutture: le carrozze del Deluxe Train per Kigoma vengono dalla Corea del Sud, sono moderne e piuttosto confortevoli ma non possono viaggiare veloci perché i vecchi binari sono così stretti da non permettere al treno di superare gli ottanti chilometri orari.
Il nuovo presidente Magufuli, però, promette presto ammodernamenti e nuovi investimenti nel settore dei trasporti. Intanto, per due lunghi giorni, i vagoni, i viaggiatori e i loro gesti restano accomunati da ciò che in Africa dà ancora senso a tutto: la lentezza.

Se ne parla anche su Rolling Pandas.
Central Line is a long track that cuts Tanzania from Dar Es Salaam (the extreme east) to Kigoma (the far west). The line dates back to the colonial period, when Europeans built tracks over that route wich for centuries was run by the great caravans of ivory and slaves.
Today, new colonizers come from Asia and they start investing in infrastructure: the carriages of the Deluxe Train come from South Korea, they are modern and quite comfortable but can not travel fast because the old binaries are so tight that they will not allow the train to pass the 50 mph.
The new President Magufuli promises early modernization and new investment in the transport sector. Meanwhile, for two long days wagons, travelers and their acts remain united by what in Africa still makes sense to everything: the slowness.
2,073

By Antonio Oleari —

STORY

Le dissi ti amo e me ne andai

By Antonio Oleari — Pubblicato per la prima volta su Futura - Corriere della Sera il 06/12/2019 Illustrazione di Napal Naps L'università ci aveva già..
STORY

Cile - Patagonia

By Antonio Oleari — L'estremo sud, il mondo prima del mondo, la natura che abita se stessa. Viaggio lungo i sentieri patagonici di un Cile che sorprende a ogni..
STORY

Guatemala: esercizi di libertà

By Antonio Oleari
STORY

Safari miei

By Antonio Oleari
STORY

Ukraine

By Antonio Oleari — Cercavo una persona che non si faceva trovare. Nell'attesa guardavo le altre persone: mi sembrava che i loro silenzi richiamassero i grandi..
STORY

Iran

By Antonio Oleari — La parola Iran significa "terra degli Ariani". Chi sono? Che sogni hanno? Cosa amano di più? Dove vogliono andare? Tehran, Shiraz,..
STORY

Guatemala

By Antonio Oleari — La cultura Maya e la resistenza guerrigliera, la ricerca di pace e libertà di un popolo per troppo tempo vittima della violenza e della..
STORY

Il Dottor Stanley, nascosto nella mia valigia

By Antonio Oleari — Pubblicato per la prima volta su www.corriere.it il 15/02/2019 Illustrazione di Napal Un mio vecchio sospetto è diventato realtà. Che..
STORY

Il nome nascosto di un amore

By Antonio Oleari — Pubblicato per la prima volta su www.corriere.it il 28/09/2018 Illustrazione di Salvatore Liberti Quando l'aereo è decollato ho salutato..
STORY

Uzbekistan

By Antonio Oleari — Lungo la via della seta, tra deserti e ricche città, sembra di percepire il ritmo di un'esistenza che da sempre combina la luce e il..
STORY

La medicina dell'asfalto

By Antonio Oleari — Pubblicato per la prima volta su www.corriere.it il 18/05/2018 Illustrazione di Eleonora Arosio Parto. Sul portapacchi posteriore una sacca di tela..
STORY

Saint Helena, The End of Exile

By Antonio Oleari — L'isola di Sant'Elena è uno dei luoghi abitati più remoti al mondo. Si trova nel mezzo dell'Atlantico del Sud, a 2 mila chilometri..
STORY

Mia madre al Bardo

By Antonio Oleari — Pubblicato per la prima volta su www.corriere.it il 24/03/2017 Illustrazione di Salvatore Liberti Sono passati due anni e altre violenze,..
Join us
for more access