Andrea Mancuso

Photographer, editor
   
L'essenza del viaggio
Location: San Donato Milanese
Nationality: Italy
Biography: Fotografare per raccontare una storia, ognuna narrata attraverso gli occhi. Documentare, cogliere, comunicare emozioni in uno scatto, riscoprendo la bellezza di un’immagine. La fotografia come incontro, per conoscersi e socializzare, un... read on
Public Story
L'essenza del viaggio
Credits: andrea mancuso
Date of Work: 01/02/15 - 01/30/15
Updated: 04/13/18
Location: Milano

Niente è più inabitabile di un posto dove siamo stati felici.” (Cesare Pavese)

La prima volta era estate. Ci avevano parlato dell'esistenza di un campo rom all'interno di una cascina, dalle parti di Chiaravalle, poco dopo l'abbazia. Così un tardo pomeriggio, decidiamo di esplorare la zona. La vediamo da lontano, parcheggiamo e ci dirigiamo a piedi. Non trovando altre vie d’accesso, entriamo scavalcando da una delle finestre senza vetri, quasi riuscendo a farci male. All'interno l'edificio è fatiscente, inabitato. Destreggiandoci fra le macerie ne usciamo. Una vecchia barca arrugginita sopra un piedistallo, domina il cortile che si apre davanti a noi, ma il benvenuto ce lo riserva la visione di un cancello aperto che abbraccia comodamente la strada. Ancora qualche metro in più e saremmo potuti entrare da lì. D’altronde che esplorazione sarebbe senza un pò d’avventura…

Il cancello aperto, ma con un blocco di cemento che ne ostruisce l'accesso. Non tanto, ma quel che basta ad impedire al nostro camper di entrare. Un bell’inconveniente, dato che da allora lo parcheggiavamo poco lontano e con l'occorrente in mano, ci dirigevamo a piedi all'interno del campo. Un inconveniente che sa di fortuna, perché per effettuare le visite mediche, venivamo ospitati all’interno delle uniche case in muratura. Le parole scambiate, il pane accettato con imbarazzo, un calore e un’intimità che non si sarebbe mai creata altrimenti. E’ questo a renderlo unico rispetto a tutti gli altri campi irregolari dove andiamo. Di solito sono i rom che vengono al nostro camper, salendo uno alla volta per essere visitati dal medico, mentre chi aspetta si intrattiene con i volontari di turno in accoglienza.

Un giorno al posto di adibire la solita casa a studio medico, le visite le abbiamo effetuate direttamente a domicilio, addentrandoci in un labirinto fatto di casette costruite una accanto all'altra, sotto una tettoia di legno. Era buio e la luce filtrava fuori dalle finestre, mentre il profumo della cena riempiva l'aria. A volte è sconveniente avere un uomo in casa, così quella sera l'ho passata tutta all'aperto. Era inverno e ogni tanto qualcuno usciva a prendere una boccata d'aria fresca. "si muore di caldo là dentro!"...e tu nel mentre saltelli. Così, giusto per rimanere vivo.

Non sei mai solo però, c'è sempre qualcuno con cui parlare. Mario ha dieci anni e ama giocare a calcio, gioca con i suoi amici in un parco vicino al campo. Sabato sarà il suo compleanno e mi racconta della festa che lo aspetta. Mi piacerebbe intrattenerli con qualche trucco di magia, ma ancora non ne sono in grado, non gliene parlo. Ionel è arrivato adesso, è più grande, ha vent'anni, a breve tornerà in Romania, poi raggiungerà in Norvegia alcuni amici. Spera di poter lavorare lì, purtroppo in Italia è sempre più difficile. E' con le volontarie che i ragazzi danno il meglio di loro. Impettiti, scherzano dandosi man forte l'un l'altro. Ma mai molesti.

In estate era piacevole stare all’aperto, radunati davanti al bar, le chiacchiere e le risate riecheggiavano per il cortile, la luce che tarda a scemare fa anche in modo che si raggruppi più gente. Fra questi c'è Gheorghe. Gestisce il campo, è lui che ha i contatti con la proprietà della cascina. Aspetta di essere visitato, è affetto da disturbi cardiaci, con precedenti interventi di by pass, la sigaretta fra le dita e ripete, ridendo, che il suo è mal d'amore...!?

Il clima è sereno, Gheorghe particolarmente ispirato. Così fra chiacchiere e risate, decidiamo di organizzare una festa, dopo le ferie, a settembre. Quella volta abbiamo passato il resto della serata ad organizzarla. Rientrando a piedi verso il camper, eravamo tutti entusiasti.

Ora il cortile è in silenzio, non perché sia deserto, anzi. La polizia, la protezione civile insieme a rappresentanti del comune, ne occupano una buona parte, si organizzano, scherzano. Sul retro di un camioncino hanno montato i soliti thermos con the e caffè. Mancano le voci dei residenti, solo una piccola parte sosta a lato del cortile, sono gli ultimi, aspettano le macchine dei parenti, amici, per essere accompagnati nei centri di accoglienza che il comune ha messo a disposizione. Gli effetti personali sono raggruppati ai loro piedi, chiusi in sacchetti o dentro scatole di cartone. Molti sono andati via prima che la polizia arrivasse a sgomberare, altri sono già nei centri. Riconosco una signora, l'ultima volta che l'ho vista era a casa sua, sdraiata sul letto. Riccardo, il nostro medico, le aveva riscontrato una grave disfunzione tiroidea. Il giorno dopo avrebbero dovuto accompagnarla in ospedale. E' seduta in disparte, con lo sguardo rivolto a terra. Un'istantanea nella mente. Una fotografia che non verrà mai scattata.

La luce del giorno illumina il labirinto di casette. Ora è facile orientarsi, il percorso sembra più largo senza l’andirivieni dei rom. Non si sente nessun profumo. Le porte sono aperte, ma non entro. E’ come sbirciare nell’ultimo alito di intimità che ancora resiste, finché non verranno abbattute.

Gheorghe si dirige verso di me. "sei venuto con il dottore?" mi dice scherzando, ma il suo sorriso è tirato, svanisce in fretta. Ci fumiamo una sigaretta quasi in silenzio.

Assistere ad uno sgombero non è mai piacevole. Come volontario di medicina di strada del Naga, purtroppo è già capitato. Raccogli interviste, ti assicuri che tutti abbiano accesso alle strutture emergenziali. L’occhio critico della denuncia. Il Naga è anche questo, dar voce a chi si vuol far tacere, ma oggi non è come le altre volte. Oggi è diverso. A questo campo ero affezionato.

I rapporti si costruiscono nel tempo. Quando succede, quando entri in sintonia con un luogo e con le persone che lo abitano, è allora che scopri l’essenza del viaggio.

«Non c’è viaggio senza che si attraversino frontiere – politiche, linguistiche, sociali, culturali, psicologiche, anche quelle invisibili che separano un quartiere da un altro nella stessa città, quelle tra le persone [...]. «Viaggiare non vuol dire soltanto andare dall'altra parte della frontiera, ma anche scoprire di essere sempre pure dall'altra parte.» (Claudio Magris)

1,120

By Andrea Mancuso —

STORY

Un Violador en Tu Camino

By Andrea Mancuso — Si chiama “Un Violador en Tu Camino” (Uno stupratore sul tuo cammino) scritta da #LasTesis , gruppo di teatro femminista che ha sede a..
STORY

Transgender Day Of Remembrance

By Andrea Mancuso — Da ottobre 2018 a settembre 2019, sono 369 le vittime di transfobia nel mondo, 1148 negli ultimi tre anni. Nell’arco di un decennio,..
STORY

Black'n White

By Andrea Mancuso
STORY

Clown Gala Circuse Sea Edition

By Andrea Mancuso — L'8 Settembre 2019 a Sarajevo è stato organizzato il primo Pride nella storia del paese. Oltre Duemila persone sono scese in strada...
STORY

Circonferenze 2019

By Andrea Mancuso — Articolo completo su DissolvenzeLab
STORY

Kethane Orgoglio Rom e Sinti

By Andrea Mancuso — Nel 75° anniversario della rivolta di Auschwitz, il movimento Ketahane insieme a Upre Roma ha organizzato una giornata di confronto con alcuni..
STORY

Global Strike for Future Milano 2019

By Andrea Mancuso — Il 15 marzo è stata la giornata degli studenti scesi in piazza per manifestare in favore di politiche più attente alla salute del..
STORY

Un Corpo ai Diritti

By Andrea Mancuso — New York, giugno 1969. Nella notte di venerdì 27 giugno, la polizia irrompe, come tutte le sere, allo " Stonewall Inn ", un bar..
STORY

Images

By Andrea Mancuso
STORY

La Mafia non esiste

By Andrea Mancuso — “Però la mafia nun esisti Chista è tutta fantasia, no, la mafia nun esisti, ora esisti la maffìa.” (Pino Veneziani..
STORY

IT festival 2017

By Andrea Mancuso
STORY

La bellezza dei margini

By Andrea Mancuso — “ ...Fiore di campo nasce dal grembo della terra nera, fiore di campo cresce odoroso di fresca rugiada, fiore di campo muore sciogliendo..
STORY

I semi di Tuzla

By Andrea Mancuso — Anita non mi guarda, si destreggia fra avversari invisibili, si porta la palla al piede e la calcia in alto, cerca di riprenderla, appena..
STORY

Impara a Volare

By Andrea Mancuso — Nato negli anni 60 negli Stati Uniti, dove è oggi largamente praticato, Ultimate Frisbee si è diffuso in tutto il mondo, fino a..
STORY

Ritorno alla terra

By Andrea Mancuso — Esistono parole il cui significato, mutato nel tempo, rievoca immagini negative. Parole modellate dalle gesta di piccole persone, poche ma..
STORY

Terra Rossa

By Andrea Mancuso — “Una sola cosa allora volevo: tornare in Africa. Non l’avevo ancora lasciata, ma ogni volta che mi svegliavo, di notte, tendevo..
STORY

Isola Milano

By Andrea Mancuso — “ Ieri sera, verso le otto, camminavo bicicletta alla mano lungo il cavalcavia Bussa a Milano – una sopraelevata accanto alla stazione..
Join us
for more access