Andrea Mancuso

Photographer, editor
   
Impara a Volare
Location: San Donato Milanese
Nationality: Italy
Biography: Fotografare per raccontare una storia, ognuna narrata attraverso gli occhi. Documentare, cogliere, comunicare emozioni in uno scatto, riscoprendo la bellezza di un’immagine. La fotografia come incontro, per conoscersi e socializzare, un... read on
Public Story
Impara a Volare
Credits: andrea mancuso
Date of Work: 02/01/17 - 06/30/17
Updated: 04/13/18
Location: Milano

Nato negli anni 60 negli Stati Uniti, dove è oggi largamente praticato, Ultimate Frisbee si è diffuso in tutto il mondo, fino a convertirsi in uno sport internazionale. Si gioca in più di 30 paesi sparsi nei cinque continenti e possiede la propria federazione mondiale, la World Flying Disc Federation

Una delle caratteristiche principali dell'Ultimate è quella di essere uno sport misto. Le squadre possono essere composte da elementi di ambo i sessi, questo contribuisce ad un educazione verso il rispetto e l'uguaglianza di genere fin dalle categorie più giovani, dove ragazzi e ragazze si allenano, giocano e crescono insieme. Lo dimostra il fatto che benché sia stata creata la categoria femminile (Women), non è mai stata creata quella maschile, bensì la “Open”, che come dice il nome stesso, è aperta a qualsiasi classe di età e sesso. 

La sportività è l'altro elemento chiave per chi pratica questo sport, che ha deciso di sostituire la figura dell'arbitro elevando allo stesso tempo ogni giocatore e giocatrice aquel ruolo. Esistono molti sport di squadra, ma lUltimate è senza dubbio lunico che si pratica con successo attraverso lauto-arbitraggio, chiunque metta piede in campo è responsabile delle proprie azioni, arrivando ad ammettere i propri falli. Non sono previste sanzioni, proprio perché non sono previsti i trasgressori. Per cui, per essere un giocatore di Ultimate non c’è altra scelta che la correttezza sportiva. Questo voto di rispetto delle regole e degli avversari è noto come Spirit Of The Game, qualcosa di imprescindibile per poter giocare a Ultimate. 

Il collettivo prevale sul singolo. È forse l'unico sport di squadra dove l’abilità di un giocatore o di una giocatrice, per quanto bravo o brava possa essere, non sarà mai determinante sul risultato se non è prima in armonia con i propri compagni di squadra. 

Per capire questo sport ho seguito le squadre di Milano, i Donkey Divers, nella serie B, serie C, la divisione Women e la Junior, durante gli allenamenti e i tornei. In passato ho giocato a calcio e tifato la mia squadra del cuore, purtroppo lo scontro verbale fisico non è mai mancato. Nell’Ultimate questo aspetto semplicemente non esiste. Durante le giornate di campionato le squadre giocano e tifano rispettandosi l'un l'altra, allenandosi o passando tempo libero insieme in un clima inclusivo, di agonismo e serenità. Il terzo tempo, abbracciarsi in cerchio scambiandosi opinioni sulla gara appena conclusa e ringraziarsi per quello che si è vissuto, è una conseguenza naturale. Tutto questo è Ultimate.

957

Also by Andrea Mancuso —

Join us
for more access