Pierfrancesco Lafratta

Photographer
    
Idomeni, l'ultimo confine
Follow Hire Not for sale
Location: taranto
Nationality: Italy
Biography: Based in Taranto, southern Italy, as freelance and independent photographer. I'm interested in exploring the human behavior, relationship between groups and individuals, focused on social, humanitarian and geopolitical issues. Available for... MORE
Public Story
Idomeni, l'ultimo confine
Copyright Pierfrancesco Lafratta 2022
Date of Work Feb 2017 - Mar 2017
Updated Mar 2020
Location idomeni
Topics Greece, Macedonia, idomeni
Idomeni, Grecia. 2016

La libertà di movimento dei migranti in Europa nei primi mesi del 2016 ha subito forti limitazioni.  Già dal settembre 2015 l'Ungheria aveva eretto una recinzione ai confini con la Serbia. Il 25 febbraio 2016 il governo della Fyrom, insieme a Slovenia, Austria, Serbia e Croazia, decise di adottare una politica di strettissimo controllo dei flussi con lo scopo di limitare l'ingresso nei Paesi della ex-Jugoslavia e garantendo inizialmente il passaggio a circa 500 persone al giorno, per poi arrivare a poche decine.

Negli ultimi giorni del febbraio 2016 in migliaia (soprattutto siriani, iracheni, afghani molti dei quali di etnia Hazara) sono passati dal campo provvisorio allestito in una stazione di servizio di Polykastro, a venti chilometri dal confine, a quello nei pressi del villaggio di Idomeni: il piccolo agglomerato di case contadine da sempre al centro dei mutamenti storici dei Balcani e già protagonista nella guerra greca di indipendenza dall'Impero Ottomano è ora centrale per le strategie politiche tra i paesi balcanici ed europei nella gestione del flusso migratorio.

Inizialmente predisposto ed organizzato per accogliere temporaneamente 1500 persone al giorno a ridosso del muro di rete e filo spinato fino a poco tempo prima inestistente, il campo profughi di Idomeni si estende sui terreni agricoli, delimitato dalle tende e dai ripari di fortuna che superano per necessità l'organizzazione prevista dalle ong.

L'effetto imbuto creato dalla progressiva chiusura del confine, la sofferenza dei migranti bloccati in un villaggio di frontiera, la gestione militare di un'emergenza facilmente evitabile ha convinto l'Europa a sostenere economicamente la Fyrom e aperto la strada agli accordi del 18 marzo 2016 con la Turchia.

Quando il 24 maggio 2016 la polizia greca iniziava lo sgombero e il trasferimento dei migranti da Idomeni ad altri centri di accoglienza il campo ospitava circa 15000 persone; circa il 70% erano donne e minori. Dal 2015 la rotta balcanica ha visto passare circa 1,5 milioni di rifugiati diretti verso il nord Europa, quasi 50.000 sono ancora oggi bloccati in Grecia in attesa di un destino migliore.

© Pierfrancesco Lafratta

LinkedIn Icon Facebook Icon Twitter Icon
3,989

Also by Pierfrancesco Lafratta —

Story

Circum Visual Notes

Pierfrancesco Lafratta
Story

Non potevo fermarmi a guardare e sono tornato

Pierfrancesco Lafratta
Story

Rosarno, Sekinè è morto

Pierfrancesco Lafratta / rosarno
Story

Via cuneo 5/bis

Pierfrancesco Lafratta / torino
Story

Balkan journey

Pierfrancesco Lafratta / balcan
Story

Taranto, beyond italian steel

Pierfrancesco Lafratta / taranto
Story

XIX trofeo boxe "Città di Taranto"

Pierfrancesco Lafratta
Story

Smart eyes

Pierfrancesco Lafratta / roma
Story

A Foròre

Pierfrancesco Lafratta
Story

Guardami, siamo corpi unici

Pierfrancesco Lafratta / Taranto
Story

Servi della Glera - Prosecco, pesticidi, paesaggio

Pierfrancesco Lafratta / Treviso
Idomeni, l'ultimo confine by Pierfrancesco Lafratta
Join us
For more access