Antonio Oleari

Writer & Photographer
    
Saint Helena, The End of Exile
Location: Milano
Nationality: Italian
Biography: Antonio Oleari  is a writer and photographer based in Milan. He studied literature and he was a radio speaker and music journalist. For years he has been involved in the international music scene: he has published essays, biographies and... read on
Public Story
Saint Helena, The End of Exile
Credits: antonio oleari
Date of Work: 07/01/17 - 08/01/17
Updated: 11/27/17
L'isola di Sant'Elena è uno dei luoghi abitati più remoti al mondo. Si trova nel mezzo dell'Atlantico del Sud, a 2 mila chilometri dall'Angola e 3 mila dal Brasile. Celebre per aver ospitato l'esilio di Napoleone e un tempo raggiungibile solo con un lungo viaggio per mare, non è mai riuscita a creare un'economia autosufficiente. Nei secoli è stata costretta all’importazione di qualsiasi bene e a dipendere finanziariamente dalla madrepatria Inghilterra.

Ora però le cose potrebbero cambiare. Dopo due anni di chiusura forzata per scarse condizioni di sicurezza, l'aeroporto costruito dal governo inglese ha ufficialmente aperto e dal 14 ottobre 2017 un volo settimanale della compagnia sudafricana SA Airlink lo collega a Johannesburg e a Cape Town. Gli abitanti (detti “Santi”) sperano che il turismo possa diventare la prima fonte di reddito per la comunità strappandola così da un esilio che dura da 5 secoli.

Tuttavia il nuovo collegamento aereo significherà laperdita di un parte integrante dell'isola, ovvero quella nave che per anni le ha garantito i contatti con il resto del pianeta. Si tratta della Royal Mail Ship Saint Helena, un piccolo cargo postale adibito anche al trasporto di passeggeri. Nei suoi confronti la gente prova un misto di affetto e di riconoscenza e c’è qualcuno che chiede che il servizio navale venga comunque mantenuto nonostante gli elevati costi di manutenzione.

Nel luglio 2017 ho raggiunto Sant'Elena con uno degli ultimi viaggi della RMS.

The island of Saint Helena is one of the most remote inhabited places in the world. It is located in the middle of the South Atlantic, 1,200 miles from Angola and 1,900 from Brazil. Famous for hosting Napoleon's exile, it was reachable only by sea and for this reason it has never managed to create a self-sufficient economy. Over the centuries it has been forced to import any goods and financially depend on the UK motherland.


But now things may change. After two years of forced closure for poor security, the airport built by the British government is now open and a weekly flight of South African airline SA Airlink connects the island to Johannesburg and Cape Town. The locals (called "Saints") hope that tourism can become the first source of income for the community, putting an end to the exile that lasts for 5 centuries.


However, the new air link will mean the loss of an integral part of the island: the ship that for years has guaranteed its connection with the rest of the planet, that is the Royal Mail Ship Saint Helena, a small postal cargo that is also used for the carriage of passengers. People feel a mixture of affection and gratitude to it and someone asks to maintain the naval service despite its high maintenance costs.


In July 2017 I reached Saint Helena on one of the last voyages of the RMS.

2,187

Also by Antonio Oleari —

Join us
for more access